Benvenuti a Santa Fiora

Santa Fiora, “chi ci va ci si innamora“,  così recita un antico detto Amiatino su questo comune di circa 2640 abitanti, situato in provincia di Grosseto, così ben curato da meritarsi il nome di “Salotto dell’Amiata“.

Cenni storici

Le prime tracce che attestano l’esistenza del comune risalgono al IX secolo d.C. Dominio storico degli Aldobrandeschi, insediatisi a partire dal 1100, strinse in un primo momento rapporti di amicizia con la repubblica di Siena; nel 1260 l’esercito ghibellino di quest’ultima poté contare sull’appoggio del comune grossetano nella battaglia di Montaperti contro la guelfa Firenze. Siena ritirerà poi l’alleanza dopo la battaglia di Tagliacozzo, nel 1268,che vide la sconfitta della stessa. Dal XIII secolo in poi, divenne uno dei centri più importanti della Toscana meridionale, fulcro della resistenza ghibellina al governo di Siena. Con la fine degli Aldobrandeschi, nel 1439, il territorio passa sotto il dominio degli Sforza; saranno proprio questi ultimi a difendere la città dalle mire espansionistiche di Cesare Borgia. Nel 1632 Ferdinando II de Medici acquisterà la terra di Santa Fiora, i cui duchi diverranno quindi feudatari dei Granduchi di Toscana.

Monumenti e luoghi di interesse

  • Pieve delle Sante Flora e Lucilla
  • Chiesa di San Giuseppe.
  • Chiesa del Suffragio.
  • Chiesa di Sant’Agostino.
  • Chiesa di Santa Chiara e convento delle Clarisse.
  • Chiesa della Madonna delle Nevi.
  • Sinagoga, luogo di culto ebraico tra il XVI e il XVIII secolo, di cui oggi rimangono poche tracce.
  • Palazzo Pretorio.
  • Palazzo Sforza.
  • Mura della Città, erette a difesa del borgo storico e di cui rimangono pochi resti visibili.
  • Museo delle Miniere
  • Sorgenti del fiume Fiora
  • La Peschiera

Tradizioni e Folclore di Santa Fiora

Molte feste popolari si svolgono nelle frazioni di Marroneto (canti della Befana, 5 gennaio e Carnevale morto nei giorni tra la fine del carnevale e l’inizio delle Quaresima) e Bagnolo (Palio dei Somari, terza domenica di Agosto.)

La festa patronale di S. Fiora si svolge invece il 29 luglio, con una processione che porta per le vie del paese le reliquie delle Sante Flora e Lucilla. Il 30 dicembre va in scena la tradizionale “Fiaccolata”, le cui origini risalgono al Medioevo.

Tra i personaggi legati a questo borgo ricordiamo, tra gli altri, il sacerdote e intellettuale Ernesto Balducci, lo scrittore Andrea Camilleri, il riformatore religioso David Lazzaretti.

Scopri dove dormire a Santa Fiora

Link utili

Ufficio promozione Turistica

Sito web del comune

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...